Contatti


Per informazioni
0157387100 ,Cell
3928227059

consulenza.retecommerciale@gmail.com


Google+ Followers

Iscriviti al blog sarai aggiornato

Visualizzazioni totali

Il piagnisteo e la reazione( prima parte)

ùPrima parte
Non  ne posso piú di tutto questo piangersi addosso.
Sí,é vero, stiamo vivendo  un momento difficile,anche se i più accorti avranno
notato prospettive molto interessanti.
Lo stato italiano é un enorme cetaceo puzzolente  e corrotto che rende la vita difficile ai suoi cittadini.
L' euro complessivamente ci ha danneggiato e sono tra quelli convinti che se si potesse uscire dall' euro, in modo soft,sarebbe meglio per tutti.
La politica é una specie di casta, a se stante, il cui unico scopo é quello di salvaguardare i propri interessi.
Le banche non fanno  il loro lavoro.
L' europa, comandata dalla Germania,( e già qui ci sarebbe da far una rivoluzione) ci ha piú danneggiati che favoriti .
La burocrazia in Italia é a livelli da manicomio.
Equitalia prende buona parte delle risorse economiche.
L' INPS é un istituto che danneggia, piú che tutelare la nostra vecchiaia e quando si sapranno i conti veri..
E si potrebbe continuare.
Insomma,tutto é vero,ma abbiamo intenzione di muoverci, o abbiamo deciso di piangerci addosso come dei "senza nerbo" aspettando di portare i libri contabili al tribunale fallimentare  ?
Provo molta rabbia e scoraggianento nel vedere  imprenditori sconsolati, ormai  rassegnati a perdere i loro soldi e la propria azienda, creata  con sacrifici.
Constato con amarezza  che molti colleghi venditori , non escono neanche piu in vendita, o se lo fanno partono convinti che non venderanno.
Chi ha detto a questa gente che non c ' é nulla da fare? Che non c ' é soluzione?
Quale legge divina li ha suggerito  questo?

Noi soli,siamo artefici del nostro destino ,in particolare in un momento come questo.
Scusate l' espressione volgare.
MUOVIAMO IL SEDERE,INVECE DI PIAGNUCOLARE,perché le soluzioni ci sono.
Solo alla morte non c ' é rimedio e non ne son del tutto convinto,neanche su questo punto, visti i progressi scentifici.
Possiamo anche decidere che la soluzione migliore per noi imprenditori é chiudere l' attività.
Possiamo decidere che per noi venditori,svolgere un ' altro lavoro é la giusta soluzione, o persino andare a chiedere l' elemosina.Se sappiamo come fare,centocinquanta euro al giorno li guadagnamo di sicuro.
Anche questo é un modo per reagire ed é sempre meglio che passare le giornate davanti al pc,su Facebook, Twitter e cazzate varie e non ditemi che esagero.
Gli agenti, o venditori devono valutare se chiudere l' attività, o investire su essa,con corsi di formazione e ampliare, modificare i mandati.
Un' imprenditore,di qualsiasi dimensione deve aumentare la sua capacità commerciale( non quella produttiva) raggiungendo potenziali clienti lontani, o altrimenti chiudere,ma per caritá eviti di stare alla scrivania, o in azienda ad aspettare chissà cosa.
Insomma,basta piangersi addosso,che non serve a nulla.
E se invece siete tra quelli che preferiscono piangere e continuare a lamentarsi,evitate per favore di venire su questo blog,perchè io non posso far più nulla per Voi .
Fine prima parte.

Chi volesse consigli,son qui ad ascoltarlo.
Chi volesse avvalersi della mia collaborazione,pur avendo pochi soldi,mi chiami e troveremo la soluzione

Chi vuole iscriversi al blog,per rimanere aggiornato,puó farlo attraverso il link di Google Connect sopra.









Nessun commento:

Assistenza legale gratuita

Reti vendita e rappresentanze dirette

Costruzione,sviluppo reti vendita.

La crisi è uno stato mentale e diventare imprenditori vincenti si può,se hai persone valide che collaborano con te. Creazione Reti Commer...